Cyberpunk 2077: No Coincidence di Rafal Kosik, Fanucci Editore “Il ritorno in grande stile del genere cyberpunk”

Nell’era digitale contemporanea, il genere cyberpunk si è ripreso le scene, da quando, nella metà degli anni ottanta, William Gibson diete il via al genere con il suo capolavoro letterario: “Neuromante”. In perfetta continuità con i romanzi capostipiti del genere, si colloca “Cyberpunk 2077: No Coincidence”, romanzo di Rafal Kosik, diretta emanazione di uno dei videogiochi più importanti e affascinanti dell’ultima generazione.

LA RECENSIONE

Sin dai primi capitoli, Kosik ci descrive una megalopoli futuristica chiamata Night City, un intricato labirinto di strade brulicanti di vita e luminosi ed imponenti grattacieli, dove la tecnologia è onnipresente e la criminalità dilaga ad ogni angolo. Il protagonista, un abile hacker dal passato misterioso, si vede coinvolto in una serie di eventi che minacciano di sconvolgere l’intero equilibrio di potere nella città.

Ma cos’è che rende il romanzo “Cyberpunk 2077: No Coincidence” così particolare? In primo luogo, la narrazione di Kosik è perfetta per il genere, soprattutto nel creare un’ambientazione realistica e dettagliata. I lettori si perderanno nelle descrizioni delle luci al neon che si riflettono sui pavimenti bagnati, o nell’atmosfera opprimente dei bassifondi della gigantesca città. Lo stile è energico e il ritmo dà all’opera un taglio quasi cinematografico, perfetto per rendere la lettura un’esperienza coinvolgente e immersiva.

La profondità dei personaggi è un altro elemento fondamentale del romanzo. Il protagonista affronta i suoi demoni interiori, le sue debolezze, mentre lotta contro le potenti corporazioni che dominano su Night City. La sua evoluzione nel corso della trama è appassionante e coinvolgente, tenendo il lettore incollato ad ogni pagina, desideroso di scoprire cosa accadrà con il progredire della narrazione.

Inoltre, “Cyberpunk 2077: No Coincidence” è pervaso da un tema centrale, ovvero la critica alla società iper-tecnologica odierna. Infatti, il romanzo solleva domande sulle conseguenze dell’uso smisurato e opprimente della tecnologia, sull’etica delle grandi multinazionali e sull’ingiustizia che domina un mondo governato dalla corruzione. Questi elementi rendono il romanzo non solo un’opera di intrattenimento, ma anche uno spunto di riflessione sui pericoli che attendono l’umanità se la tecnologia, e non solo, dovesse sfuggire di mano.

Il successo mondiale del videogioco “Cyberpunk 2077”, dal quale ovviamente è tratto il romanzo, ha contribuito a far conoscere l’universo di Kosik ad un pubblico sempre più vasto. Gli appassionati del gioco potranno approfondire ulteriormente la storia e gli eventi che hanno portato a creare un mondo tanto avvincente. Mentre i nuovi lettori potranno godersi questa avvincente saga cyberpunk come fosse una vera e propria opera a sé stante.

In conclusione, “Cyberpunk 2077: No Coincidence” è un romanzo che riesce a pieno nel suo intento: intrattenere, approfondire ed ampliare un genere molto complesso e vario. La combinazione di una trama avvincente, un’ambientazione futuristica e una profonda critica sociale, lo rendono un imperdibile per tutti gli amanti del genere cyberpunk.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

FacebookTwitterLinkedInInstagramYouTubeTelegramTikTok